Miscellanea

Il Calendario Lunare e la Viticoltura

{CAPTION}

Le stagioni della vita umana, animale e vegetale sembrano scorrere sulle lancette dell’orologio biologico naturale così come la Terra corre attorno al Sole, percorrendo ciclicamente la propria orbita ellittica, avendo quale compagna la Luna.

La forza di gravità prima innalza i viventi verso le stelle poi li respinge verso le profondità della terra, così alla Primavera, ricca di energie, di fioriture e di promesse segue l’Estate, carica di frutti maturi e di messi abbondanti. L’Autunno è stagione di declino, foglie cadute per creare humus, il nido trattenuto dalla terra per le vite della primavera successiva. Infine viene l’Invernofreddo e ghiaccio a difesa del nido. Questo in sintesi il percorso naturale che spetta all’uomo, non dissimile da quello della vite, che egli pianta e cura con dedizione nel piccolo vigneto di casa.

Il calendario astronomico scandisce i tempi terrestri al ritmo dei corpi celesti del Sistema Solare. Il Sole è la stella che produce luce e calore irradiando i pianeti e i loro satelliti, orbita al centro della Via Lattea e determina sulla Terra l’alternarsi e la durata dei giorni, delle notti e delle stagioni. Primavera, Estate, Autunno e Inverno variano nel corso dell’anno non solo nel nostro Paese, compreso fra quelli a clima temperato dell’emisfero boreale, ma in ogni punto del Pianeta, tanto che ai Poli, distanti e asimmetrici rispetto al Sole, esiste un’unica stagione con variazioni climatiche minime.

L’anno astronomico o siderale comprende l’anno lunare ed il sinodico di cui il calendario lunare descrive le date essenziali affinché ne prendano nota tutti gli appassionati di viticoltura e di agricoltura ecosostenibile.

Quest’anno il calendario lunare è iniziato con l’ultimo quarto del 2 gennaio 2016 e terminerà il 29 dicembre con la 13ª luna nuova. Il lunario 2017 inizierà con il primo quarto del 5 gennaio e terminerà il 26 dicembre con il 13°primo quarto. Si crede che ciascuna di queste fasi abbia una ripercussione nell’attività vitivinicola tanto che gli enologi sostenitori della tradizione aspettano “la luna giusta per imbottigliare il vino perché “ imbottigliare con la luna sbagliata rende il vino imbevibile”.

Ogni calendario lunare indica i giorni favorevoli alla svinatura, ai travasi e all’imbottigliamento del vino che dovranno giustamente avvenire in regime di “Luna Calante”, quando il “nettare degli Dei”, esauriti i processi di fermentazione è “fermo”, stabile.

Al contrario, vendemmia e pigiatura dell’uva dovranno avvenire in fase di “Luna Crescente”, quando gli influssi benefici accelereranno i processi di concentrazione degli zuccheri nei chicchi d’uva e la fermentazione del mosto.